ARTI Regione Puglia
Cerca nel sito
Calendario Eventi
« Settembre - 2017 »
LuMaMeGiVeSaDo
 010203
04050607080910
11121314151617
181920222324
252627282930 






Intervista a Massimo Labruna, General Manager della AS Service (www.aslabruna.it ).
All’interno dei Percorsi di Accompagnamento Personalizzato (PAP) sarà il Mentore della start up Bluebell.

Di Valentina Parente


Costituita nel 1971, AS Service è un’azienda specializzata in due importanti aree strategiche di affari: energy e movement. Dai motori a diesel ai gruppi elettrogeni, dalle gru idrauliche alle piattaforme aeree, AS punta a fornire ai suoi clienti soluzioni personalizzate, che consentano risparmio nei consumi e riducano gli interventi di manutenzione, salvaguardando qualità e sicurezza e operando sempre nel pieno rispetto dell’ambiente.

Dott. La
bruna, la sua azienda offre competenze altamente specializzate in due settori distinti, energy e movement. Quali tra dei due sta registrando una maggior espansione? Lungo quali traiettorie viaggia il futuro di questi settori?

Il settore che sta conoscendo una maggiore espansione è quello dell’energy con i motori diesel, in particolar modo i motori marini per il settore professionale, dove noi abbiamo lanciato due prodotti: la serie H dei motori e il sistema di propulsione navale Hydropack. L’altro settore, quello delle gru per autocarro delle piattaforme aeree, ha subito una battuta d’arresto per via della crisi che colpito soprattutto il settore dell’edilizia. Per le traiettorie future si registra, per il settore dei motori diesel, una maggiore attenzione verso la riduzione dei consumi e l’abbattimento delle emissioni; per il settore della movimentazione dei carichi, invece, il trend è quello della sicurezza: tutte le gru oggi sono dotate di molti sistemi elettronici di limitazione dei carichi e dispositivi antiribaltamento.

La AS Service rivolge un’attenzione particolare all’innovazione tecnologica, per consolidare e ampliare il proprio know-how aziendale, proporre novità e soluzioni sempre più attrattive per il mercato. Quanto investite in ricerca? Avete sinergie con Enti pubblici?

Investire in ricerca e sviluppo in questo periodo è diventato un must, soprattutto per quanto riguarda i nostri prodotti. In questi anni, infatti, i nostri investimenti in questo senso sono aumentati considerevolmente. Abbiamo collaborazioni con le Università e ultimamente abbiamo siglato un accordo con il CNR per lo sviluppo del sistema Hydropack.


La AS Service sta partecipando, insieme a Tera, al Premio Best Practices per l’Innovazione di Confindustria Salerno. Con quale progetto avete deciso di concorrere? Di cosa si tratta?

Al Premio Best Practices per l’Innovazione di Confindustria Salerno abbiamo partecipato con il progetto Hydropack e ci siamo classificati quarti nel sondaggio via internet e tra i primi dieci tra i progetti valutati dalla giuria tecnica. L’Hydropack è un sistema di propulsione navale che consente la riduzione dei consumi e l’abbattimento delle emissioni energetiche. Viene utilizzato non solo per la propulsione ma anche per tutti i servizi ausiliari di bordo.

In qualità di Mentore lei affiancherà la start up Bluebell che si occupa della produzione e commercializzazione di un dispositivo di conversione energetica del moto ondoso in energia elettrica. Che consigli darebbe agli imprenditori del domani?



La Bluebell ha un’idea molto innovativa; il consiglio che ho dato, in occasione del primo incontro, è quello di passare dall’idea progettuale ad una concreta per fare in modo che il prodotto sia commercializzabile: quindi lavorare su un business plan realizzabile. Molte start up hanno idee ottime, ma poi hanno successo quelle che riescono a rendere queste idee vendibili, utilizzando i canali commerciali migliori. Alla base del successo di un’impresa c’è l’individuazione del mercato e del canale commerciale più appropriato.